Quando le regole sono chiare, sono tante le donne che vincono.

Vogliamo che a dirigere l’italia ci siano sempre più donne

In evidenza


Dopo le riflessioni di Mariagrazia sui risultati delle elezioni regionali 2010 (vedi più sotto il documento "Elezioni regionali 2010: riflessioni e proposte"), vi proponiamo quelle di Terry dal titolo "La cittadinanza negata, la sinistra che c’è e la “Città che vogliamo”" e quelle di Ferdinanda "Fare politica, tenere relazioni, costruire una narrazione". Abbiamo invitato Terry al nostro appuntamento del 19 maggio. Anche Ferdinanda sarà presente all'incontro. (Cliccate sul titolo dei documenti per aprirli).

Breve scheda sui risultati elettorali delle elezioni regionali 2010 in Piemonte


Il primo dato che qualsiasi analisi del voto delle elezioni regionali deve rilevare è la crescita
dell’astensionismo ... (leggi tutto)

C'è movimento tra le donne di Torino ...


Il "Mercoledì di Emily" del 21 aprile è stato molto partecipato. La discussione è stata ricca di stimoli. Siamo in attesa che qualcuna delle partecipanti stenda un breve resoconto da pubblicare su queste pagine, in modo da tenere informate anche coloro che non sono potute intervenire, ma sono interessate a seguire il dibattito e la progettualità che sta emergendo. Chi si offre di elaborare il resoconto?

Intanto possiamo già annunciare che è stato deciso di dedicare anche il "Mercoledì di Emily" del 19 maggio alla discussione sul da farsi. Tra le associazioni di donne di Torino con cui EmilyTorino è in contatto c'è fermento. L'incontro di mercoledì 21 aprile è stato un secondo momento di riflessione e discussione, dopo quello organizzato dalla Casa delle donne, il 14 aprile. Altri momenti di incontro sono previsti da altre aggregazioni di donne nei prossimi giorni. E' importante che ci teniamo collegate e costruiamo una rete tra di noi. Nelle prossime settimane si parlerà anche di questo.

Elezioni regionali 2010: riflessioni e proposte per questa politica


Sono una cinquantenne piuttosto contenta della vita, a volte un po’ complessa, ma densa, che mi sono composta. Faccio l’avvocata penalista, lavoro che mi piace, e mi diverto come posso. L’impegno politico è per me una passione a cui difficilmente rinuncerò ma questa scoppola elettorale mi ha molto coinvolta e vorrei capire perché partendo dal mio ruolo di amministratrice pubblica. ...  (Leggi tutto)

Il "Mercoledì di Emily" del 21 aprile sarà dedicato ad un dibattito sulle elezioni regionali: per maggiori informazioni vedi la pagina Eventi di questo sito.
 

Comunicati stampa sulla gravissima dichiarazione del neo Presidente della Regione Piemonte Cota circa l'introduzione della pillola abortiva RU486:


 - delle associazioni di donne di Torino

Riteniamo gravissima la dichiarazione del neo Presidente Cota in merito alla sua intenzione di “far marcire” nei magazzini degli ospedali il farmaco RU486.Si tratta di un farmaco che ... (leggi tutto)

  - delle Consigliere Regionali Eleonora Artesio e Monica Cerutti

Non si può certo dire che Roberto Cota abbia fatto molto per nascondere il proprio vero volto, nelle prime 48 ore del suo mandato di Presidente.I suoi primi due interventi riguardano due temi ... (leggi tutto)


Lettera inviata a La Stampa e Repubblica


Il Presidente del Consiglio non perde occasione per manifestare il suo pensiero sulle donne in politica: belle e obbedienti devon essere


Torino, 25 marzo 2010

Martedì abbiamo dovuto subire l’ennesima esternazione, sprezzante e becera, del Presidente del Consiglio che, nell’insultare la Governatrice del Piemonte, Le ha dato, in sintesi, della bruttona, perché addirittura Ella si intristirebbe al mattino nel guardarsi allo specchio.

Non vogliamo che passi l’idea, per l’ennesima volta, che le donne italiane, e nel caso specifico quelle torinesi, .... (leggi tutto


Chi lo desidera, può commentare quanto pubblicato nella pagina "Scrivi ad Emily" di questo sito oppure lasciando messaggi nelle nostre pagine su Facebook.

Vogliamo che nessuna si senta più la sola, l’unica, l’eletta ... Vogliamo più democrazia e trasparenza nella selezione di chi si candida e chi ci governa